I 10 Capitelli



“Dieci capitelli: dieci tra i tanti che un po’ dappertutto testimoniano la fatica del vivere, ma anche i sogni e le speranze della gente, alimentate dalla pietà.”

Il primo che si incontra all'interno della bellissima passeggiata di Monteforte d'Alpone, dopo la partenza da Piazza Venturi, sorge al margine della stradina che collega la Val Ponsara con la Valle dell’Acqua, là dove muoiono nella pianura. Vi è rappresentata la Madonna con Gesù (1): un lavoro artigianale, senza pretese estetiche; ma non è l’arte che qui conta.

Pochi passi avanti s’apre la visione di un casolare vegliato da tre pini, immerso tra le dolci ondulazioni delle colline. Si prende a sinistra e la strada comincia a salire con misurata pendenza, ma dopo un breve falsopiano s’impenna. Ma all’uscita di una curva arriva l’invito a sostare del capitello di San Pietro (2): una barca a vela di lineare semplicità, collegata (1980) al margine del podere dai fratelli Veneri per onorare la memoria del prete. La sosta consente di osservare un pugno di case nella Valle dell’Acqua e, al di là del Tramenalto, la Valvarina emergente sulla linea collinare che a Nord si congiunge col Gruppo del Carega.

Si riprende a salire e più avanti la strada finalmente si spiana un po’: a sinistra, da un’incurvatura dei colli, fa capolino il Castello Scaligero di Soave.  Si arriva al capitello del Foscarin (3), dedicato alla Sacra Famiglia, ai piedi di un costone arido e brullo, il più elevato colle della zona. Lì vicino vivacizzano l’ambiente alcuni ulivi e una macchia di robinie, bianche a primavera.

Riprendendo il cammino, s’imbocca sulla sinistra una discesa che a tratti si fa ripida, fino al 4° capitello, dove si trova la Madonna con il Bambino.

Più avanti si prende la strada che porta a Soave e il paesaggio cambia: appaiono alcuni paesi adagiati nella piana o arrampicati ai fianchi delle colline. Intanto il profilo del castello si delinea più chiaramente, ma giunti in vista della periferia di Soave bisognerà volgere a sinistra e affrontare la salita che porta nel territorio di Monteforte d’Alpone. La salita continua e sbocca proprio davanti al capitello di San Vincenzo Ferreri (4), protettore dei vigneti contro la grandine e, a sua volta, protetto da un pino solitario e severo. E’ la zona del Pigno. Da qui in avanti il cammino diventa piuttosto agevole perché la strada si snoda quasi sempre sul crinale.

C’è una deviazione che consente di visitareil 6° capitello, quello della Bassanella (6). Nella nicchia un dipinto vagamente naif raffigura la Madonna, alla quale è rivolta un’invocazione specifica: benedici il frutto del nostro lavoro”.

Continuando sul versante che guarda a Soave, si giunge a “Piazza Scheeti”, una specie di balcone aperto sulla Pianura Padana. Qui vale la pena di sostare per la ricchezza del panorama. A volte, lungo l’orizzonte, si riescono a scorgere gli Appennini, mentre a destra si vede il castello di Illasi. Al termine della deviazione si ritorna sulla strada del crinale, si supera il confine tra Monteforte e Soave e si giunge al 7° capitello, dedicato a San Giuseppe (7).

In breve tempo si scende all’8° capitello: un Cristo in Croce (8), chiuso in una nicchia triangolare sostenuta da una colonna.

Lasciando sulla sinistra la Froscà, con i suoi chiari sentieri che ne tagliano la costa, si entra nella zona di Zoppega, dove nel 1899 fu costruito un capitello in onore della Madonna Auxilium Christianorum, ora “Regina Pacis” (9).

Finalmente si raggiunge l’ultimo capitello, quello di San Rocheto (10), testimone delle sedute che ai tempi andati i “Parlamentari” della contrada tenevano sull’antistante muretto. Ancora pochi passi e si ritorna al punto di partenza, nel centro di Monteforte d'Alpone.


Informazioni

www.montefortiana.org
G.P. Valdalpone De Megni – Tel. 045 6103277 – 3382663474
Bar Milano Tel. 045 7610744

  • Tema itinerario: I segni della fede
  • Località partenza: Monteforte d'Alpone
  • Località arrivo: Monteforte d'Alpone
  • Durata percorso: 2 ore circa
Sezione Itinerari

Cultura e tour enogastronomici

Un affascinante viaggio alla scoperta dell'antica arte vitivinicola.

Tutti sognano di poter volare!
Oggi è possibile, facile e sicuro!

Se soggiorni a Verona e provincia richiedi la nostra card per avere sconti ed agevolazioni!