Nella Bella Verona



Cenni storici

Verona vanta origini antichissime. Colonia romana già dal I secolo a.C., divenne municipium romano nel 49 a.C. Nel XII secolo fu fondato il libero Comune e il volto della città cominciò a mutare arricchendosi di nuove costruzioni civili e religiose.

Nella seconda metà del XIII secolo si affermò la signoria degli Scaligeri che ne guidò le sorti fino al 1387. Dopo una breve soggezione ai Visconti e ai Carraresi, nel 1405 Verona si consegnò spontaneamente alla Repubblica di Venezia, che ne conservò il dominio fino a quando, nel 1796 la città fu occupata dalle truppe napoleoniche.

Nel 1801 la frontiera della Repubblica Cisalpina fu portata all’Adige e Verona si ritrovò divisa in due settori: la riva destra francese, quella sinistra austriaca. Nel 1805 l’intera città ritornò sotto il dominio napoleonico fino al 1814, anno in cui fu definitivamente annessa all’impero asburgico.
Nella prima metà del XIX secolo rivestì un importante ruolo amministrativo e militare ed entrò a far parte del Regno d’Italia nel 1866.


Itinerario breve


L’Arena (I sec.d.C) è il simbolo della città e da essa inizia il viaggio alla scoperta di Verona. Situata nella bellissima Piazza Bra, rievoca atmosfere antiche e incanta con i suoi spettacoli lirici. Lungo il fianco occidentale della piazza è possibile ammirare le mura comunali e l’imponente Palazzo della Gran Guardia. A sud si trova il neoclassico Palazzo Barbieri mentre sul lato settentrionale è ospitato il rinomato Liston, la passeggiata veronese per eccellenza. Alla fine del Liston si imbocca via Mazzini, la più frequentata ed elegante via della città, che sfocia in Via Cappello. Qui, al n.23, si possono visitare la Casa di Giulietta e il celebre balcone.

A pochi passi ecco Piazza Erbe, antico forum romano, circondata dalla Torre dei Lamberti e dalle affrescate Case Mazzanti sul lato destro, dalle alte case del Ghetto e dalla merlata Domus Mercatorum a sinistra. Sullo sfondo si ammirano la Torre del Gardello e il barocco Palazzo Maffei. Nella vicina Piazza dei Signori, dove capeggia la statua di Dante, si possono ammirare da destra il Palazzo del Comune o della Ragione e il cortile del Mercato Vecchio con la scala della Ragione. Seguono il Palazzo del Capitano e il Palazzo del Governo, oggi sede dell’Amministrazione Provinciale e della Prefettura. A quest’ultimo appartiene anche la Loggia del Consiglio, o Loggia di Fra’ Giocondo. Sullo sfondo la Domus Nova.

Oltrepassato il Palazzo del Capitano è d’obbligo una visita alle Arche Scaligere, le monumentali tombe dei Signori di Verona sul sagrato della Chiesa di Santa Maria Antica. Non lontano si trova Via Sottoriva, una delle strade più caratteristiche della città, al termine della quale è possibile ammirare l’abside della chiesa di Santa Anastasia, splendido esempio di gotico italiano che annovera al proprio interno il celebre affresco “San Giorgio e la Principessa” di Pisanello.

Giunti ormai in prossimità dell’Adige si apre alla vista il romano Ponte Pietra oltre il quale si trova lo storico Teatro Romano (entrambi del I sec.a.C.).

A breve distanza il Duomo, costruito nel VIII-IX secolo d.C. e ricostruito in forme romaniche dopo il terremoto del 1117, custodisce una preziosa pala del Tiziano, l’Assunta.

Tornando verso Piazza Erbe si giunge rapidamente all’antica Porta Borsari (I sec d.C.). Il corso che si chiude con essa, Corso Porta Borsari, sfocia in Corso Cavour, dove si trovano l’Arco dei Gavi e l’imponente Castelvecchio, importante residenza scaligera costruita a partire dal 1354 e oggi sede museale cittadina.

Chiude la visita, nelle immediate vicinanze, la splendida basilica di S. Zeno, mirabile esempio di romanico, fondata tra VIII e IX secolo in una zona interessata fin dall’età romana da necropoli. Da ricordare al centro della facciata in tufo il grande rosone detto Ruota della Fortuna e il prezioso portale decorato da formelle di bronzo. All’interno, oltre alla cripta, è possibile ammirare un vero e proprio capolavoro della pittura rinascimentale, la “Pala di Andrea Mantegna”, raffigurante la Madonna con Bambino e santi.



Scopri il video dedicato all' itinerario Nella Bella Verona nel canale ufficiale YouTube!

  • Tema itinerario: Viaggia nella storia
  • Località partenza: Verona
  • Località arrivo: Verona
  • Durata percorso: 2 h circa visite escluse
Sezione Itinerari

Valpolicella: dove il tempo si è fermato

Imponenti ville immerse nel verde

Monte Baldo: palestra all'aria aperta con vista sul lago di Garda, le prealpi venete e lombarde e la pianura Padana.

Lessinia: attività sportive ed escursioni nel cuore della natura.