Negrar


Territorio

Racchiuso tra le colline e costeggiato da un ampio Progno, il territorio di Negrar si estende nella parte più orientale della Valpolicella fino a fondersi a nord con i Monti Lessini.

La presenza dell'uomo sin dalla Preistoria è testimoniata dai "castellieri", villaggi fortificati risalenti all'età del Rame e del Bronzo. In epoca romana il territorio apparteneva al Pagus degli Arusnati mentre il ritrovamento di iscrizioni dedicate al culto di Giove confermano che la valle fu abitata anche dai Romani. Diventato Comune sotto il dominio austriaco, il territorio oltre al capoluogo comprende le frazioni di Arbizzano, Dane, Mazzano, Montecchio, Prun, San Peretto, San Vito, Santa Maria, Torbe e varie località minori.

Il nome Negrar sembra derivare dal tardo latino Nigrariu, "luogo con terra nera".


Terra di vini

Fedele alla tradizione, l'agricoltura di Negrar è specializzata nella produzione di ciliegie e di uva, dalla quale, attraverso un'accurata lavorazione, vengono ricavati i vini Valpolicella Classico DOC, Recioto Classico DOC ed Amarone Classico DOC.

Scopri di più in "Sapori e tradizioni".


Terra di scrittori

La famiglia di Emilio Salgari (1862-1911), oltre alle proprietà a Verona, possedeva un'ampia zona di territorio a Negrar, in località Tomenighe di Sotto. Il famoso romanziere passò lunghi periodi della sua infanzia e giovinezza in Valpolicella.

Nel 2006, il Comune di Negrar, in collaborazione con altri enti e con il Comitato Salgariano, ha istituito il "Premio Letterario Emilio Salgari". Si tratta di un concorso biennale nazionale che mira a valorizzare e promuovere la letteratura d'avventura.



Informazioni utili
www.comunenegrar.it
Iat Valpolicella

Sezione Territorio

Wine, food & dreams

Cantina Giovanni Ederle

Valpolicella: dispensa d'arte e sapori

Valpolicella: dove il tempo si è fermato