to top

Case Mazzanti

Questi edifici appartenevano ad Alberto I della Scala che li adoperava come “Domus Bladorum”, ovvero magazzino del grano. Le case diventarono della famiglia Mazzanti, ricchi mercanti, intorno alla prima decade del ‘500. L’immensa facciata che da su Piazza Erbe è completamente affrescata, più in particolare la fascia centrale è di Alberto Cavalli e raffigura affreschi di alto valore etico, con imponenti allegorie dell’Invidia, dell’Ignoranza e del Buon Governo. L’usanza di decorare i muri era molto diffusa e denotava un certo prestigio della famiglia proprietaria. Già dal 1300 si cominciano a vedere sulle pareti imitazioni di stoffe, finti tessuti, motivi geometrici, finti mattoni e finti marmi, figure umane e animali. Nel Quattro-Cinquecento a Verona si contavano più di 300 facciate dipinte: si meritò l’appellativo di Urbs picta (città dipinta). Purtroppo gran parte di questi affreschi è andata persa; alcuni sono conservati nelle Chiese e nel Museo degli affreschi Cavalcaselle presso la Tomba di Giulietta e nelle facciate delle antiche case.

Lorem ipsum dolor sit amet
Lorem ipsum dolor sit amet

Indirizzo: Piazza Erbe, 37121 Verona.