to top

San Mauro di Saline

Un piccolo e antico comune di montagna che, data la sua posizione geografica, offre scenari suggestivi e incantati, con pascoli estesi e boschi secolari a perdita d' occhio, come quelli raccontati nelle fiabe.

Lorem ipsum dolor sit amet
San Mauro di Saline

San Mauro di Saline è un piccolo comune del nord-est veronese, in cui sono stati portati alla luce molti reperti dell' età preistorica.
I primi insediamenti consistenti però risalgono a XIII sec., come conseguenza dell' arrivo dei coloni di lingua tedesca stabilitisi su queste terre concesse loro direttamente dai proprietari.

Essendo un comune di montagna, l' economia è per lo più basata sui frutti dell' agricoltura: alle pendici dei monti troviamo le ciliegie, mentre le alture sono il regno di castagne e marroni.
Anche questa rientra tra le zone di produzione del vino Valpolicella DOC, dell' Amarone della Valpolicella e del Recioto DOC. Fiore all' occhiello di questa terra è anche il Monte Veronese, uno dei formaggi più noti e apprezzati della provincia di Verona.

Cosa vedere a San Mauro di Saline

  • Santuario di San Leonardo: è stato eretto nel 1388, in stile romanico, sulle basi di un edificio preesistente attiguo a un monastero. Fu prima dedicato a San Mauro, patrono del paese, e poi a San Leonardo di Limoges, protettore di prigionieri e pellegrini e guaritore di animali domestici.E' corredato sia di un campanile che di un obelisco, posto di fronte alla chiesa.

Eventi a San Mauro di Saline

  • Settembre: sagra di San Leonardo, nata come festa di chiusura dell' alpeggio e del transito dalla montagna, oggi ne rimangono un mercato, una festa e delle funzioni religiose che si svolgono nell' omonima chiesa.
  • Ottobre: festa dei Marroni, sagra folkloristica di valorizzazione di questo prodotto tipico, in cui si alternano stand espositivi ed enogastronomici, con musica e sfilate in costumi tradizionali da castagnari.

Curiosità

Questo è uno dei tredici Comuni della Montagna veronese in cui si parlava il cimbro, un idioma di origine germanica importato dai coloni tedeschi durante il Medioevo e oramai quasi del tutto caduto in disuso.